sabato 27 agosto 2011

L'ENNEAGRAMMA - L'Enneatipo 6


Lo Scettico – Il Leale – Il Tradizionalista
 

L’Enneatipo 6 è un individuo leale e sincero ma eternamente timoroso e indeciso.

E’ rispettoso delle regole e delle tradizioni che utilizza come forti punti di riferimento.

E’ tendenzialmente un pessimista e non si fida degli altri, soprattutto degli sconosciuti, è diffidente e sospettoso.

Quando sposa una linea, un’idea, una figura di riferimento, un capo, un partner né diventa fedele servitore acritico con tendenza al fanatismo.



L’Enneatipo 6 è sostanzialmente un pauroso, ma il suo atteggiamento potrà apparire di due opposte entità:  
  •  Il fobico, che appare palesemente pauroso e che rifugge ostentatamente il rischio; 
  • Il controfobico che invece si lancia in tutte le situazioni di rischio, di azzardo, cercando di esorcizzare la paura, senza però riuscirvi mai.
Ha vissuto un’infanzia con genitori o figure di riferimento apparentemente freddi e senza sentimenti espressi, oppure violenti e imprevedibili. Spesso veniva punito senza motivo o giustificazione.

Avverte tutto come una possibile minaccia e tende ad analizzare gli altri alla continua ricerca di trucchi e falsità messi in atto per ingannarlo.

L’Enneatipo 6 è un procrastinatore e rifugge il successo perché ciò lo esporrebbe a possibili critiche o persecuzioni, cose che teme all’inverosimile.

Privilegia occupazioni dove sia presente una forte e chiara linea gerarchica ove egli non rivestirà mai posizioni di supremazia ma potrà essere un ottimo gregario, fidato e puntuale nei confronti di un capo forte e determinato che gli trasmetta sicurezza.

Quando è sotto stress tende a diventare iperattivo e contemporaneamente falso e servile, a rischio di tradire la sua stessa natura improntata alla lealtà.

Quando è integrato ed a “riposo”, a suo agio,  l’Enneatipo 6 riesce a comprendere bene le persone che ha attorno e ad essere un buon diplomatico e sul lavoro un ottimo gregario, preciso e puntuale, un perfetto soldato.

E’ stimolato dalle persone forti e decise con modalità espressiva di tipo indicatorio.

2 commenti:

  1. io sono un sei e mi impongo di pensare che solo con il rischio si arriva al successo, che porta ad una situazione di maggiore sicurezza, Inoltre, occorre valutare che dando fiducia agli altri si ottiene di più di quello che si perde rimanendo diffidenti, nelle relazioni si hanno molti più vantaggi che nella solitudine, meglio la felicità che la serenità, la strada è più tortuosa ma è quella la meta a cui aspirare in ogni campo, lavorativo e affettivo, per essere migliori e donare di più a chi vogliamo bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo
      Le tue sono parole sante, segno evidente di un ottimo livello di consapevolezza!
      Grazie per la condivisione.
      Buona vita a te.

      Elimina