mercoledì 17 agosto 2011

L'ENNEAGRAMMA - L'Enneatipo 7


L’Artista – L’Epicureo – L’Entusiasta


L'Enneatipo 7 è un individuo entusiasta, allegro, divertente, giocherellone a cui piace divertirsi e fare divertire.

Sembra vivere e nutrirsi di nuove emozioni, è portato a godere la vita spensieratamente.

È spesso al centro dell’attenzione, un vero animatore simpatico e coinvolgente, che utilizza come meccanismo di difesa la razionalizzazione e che ha modalità espressiva di tipo iperlogico.

Gli piace coinvolgersi in tante cose nuove e diverse, salvo accorgersi che richiedono troppo impegno o difficoltà: in tal caso se ne allontana velocemente. 


L'Enneatipo 7 ama il mondo bello e semplice e tende a fuggire di fronte alle difficoltà per la paura di rimanere bloccato e coinvolto in fatti spiacevoli e “da adulto”. È sostanzialmente un eterno bambino, spesso affetto dalla “Sindrome di Peter Pan” non volendo crescere

Si tratta di un individuo superficiale che lascia spesso incompiute le cose iniziate perché coinvolto in nuovi e perciò più stimolanti interessi.

Ha vissuto un’infanzia o adolescenza con esperienze emozionali dolorose o traumatiche che non vuole più ripetere e per questo si nutre si sensazioni dalle quali è attratto ma che ha paura di approfondire.

Tende ad eccedere nella ricerca del piacere, nell’edonismo, spesso si sente ingabbiato in situazioni affettiva monogame, tende alla promiscuità o comunque vuole convincersi di avere sempre un’alternativa o una via di fuga.

È stimolato dalle persone che si lasciano coinvolgere dal suo entusiasmo e che gli permettono di stare al centro dell’attenzione, posto a lui confacente e che utilizzano una modalità espressiva propiziatoria.

Quando è sotto stress tende a chiudersi su un sistema di valori che non permette a nessuno di attaccare o di mettere in dubbio, diventando anche aggressivo, sempre pronto poi, in caso di difficoltà, a fuggire abbandonando il campo con una scusa o una chiusura netta che non ammette repliche.

Quando è integrato l'Enneatipo 7 diventa un ottimo ricercatore e studioso, curioso e perspicace, brillante e comunque ottimista, diventa più serio ed acquista più disciplina.

2 commenti:

  1. Si riesce in qualche modo a farlo crescere un pochino? E come?
    Karin

    RispondiElimina
  2. Ciao Karin
    Penso tu stia parlando di qualcuno/a in particolare, magari qualcuno/a che ti è molto vicino. La realtà è che ognuno ha il suo sentiero personale e lo deve percorrere secondo i suoi ritmi, i suoi tempi. Nessuno può essere forzato nel cambiamento che comunque può avvenire solo se lui stesso lo vuole e lo cerca in qualche modo.
    La spinta avviene spesso attraverso la sofferenza, perciò la domanda che devi porti è: Ma lui/lei soffre per questa sua caratteristica?

    RispondiElimina