sabato 4 febbraio 2012

MERIDIANI ENERGETICI - Disfunzione



I meridiani energetici possono essere considerati dei veri e propri canali attraverso i quali l’energia vitale si muove per compiere specifiche funzioni di nutrimento dei vari organi correlati. 

La condizione essenziale per un ottimale situazione è infatti quella del continuo movimento dell’energia vitale lungo tutto il corpo fisico ed energetico.

La disfunzione dei meridiani energetici è conseguenza diretta di specifici conflitti psico-energetico-biologici e può presentarsi come cambiamento quantitativo o qualitativo.

Il cambiamento quantitativo può essere di due tipi:

  1. svuotamento energetico: in questo caso la disfunzione non si presenta come un problema localizzato, ma come ipofunzionalità, lassità nella contrazione e lentezza nel movimento con malattie correlate (ad es. flaccidità, prolasso, ipotensione, cancro);
  2. eccesso energetico: in tale caso si avrà una iperattività funzionale e malattie correlate (ad es. glaucoma, tumore).

Anche il cambiamento qualitativo può essere di due tipi e dipende dallo stato di tensione della membrana cellulare che è in stretta correlazione con un persistente stato mentale emozionale:
  1. aumento di tensione: in questo caso le cellule raggiungono il livello di eccitazione molto più velocemente, il cosiddetto stato di ipereccitabilità con malattie correlate (aritmie, epilessia, iperattività);
  2. ipercontrazione per eccesso di tensione: in tale caso le cellule rimangono costantemente contratte causando le malattie tipiche da eccesso di tensione (ad es. asma, ipertensione, gastrite). 
I meridiani sono bilaterali simmetrici, pertanto la regola che determina il meridiano di quale lato verrà colpito è la seguente che vale per entrambi i sessi:
  • se il conflitto psichico viene attribuito dal soggetto ad un uomo, il lato colpito sarà il destro;
  • se il conflitto psichico viene attribuito ad una donna, sarà il sinistro.
Se il soggetto ritiene invece di attribuire a se stesso il suo conflitto, il lato colpito varierà a seconda del sesso:
  • nell’uomo colpirà il lato destro
  • nella donna colpirà il lato sinistro.
E’ possibile anche una bilateralità della disfunzione e ciò avviene nel caso il soggetto oltre ad attribuire il conflitto ad una persone del sesso opposto attribuisca parte di esso anche a se stesso.

Nessun commento:

Posta un commento