sabato 6 giugno 2015

Benvenuti su LiberaMenteBenessere

I Meridiani Energetici secondo la Psico-Energo-Somatica

I meridiani energetici possono essere considerati dei veri e propri “canali”, attraverso i quali l’energia vitale scorre e si trasferisce direttamente ai vari organi ed alle varie parti del corpo.
Il loro blocco è legato ad uno specifico conflitto psico-energetico-biologico.

Il dolore o il fastidio che colpisce alcune parti del corpo è spesso dovuto ad una disfunzione lungo il percorso di un meridiano.
Realizzare che quello specifico dolore o fastidio è localizzato lungo un determinato meridiano, pertanto, risulta di vitale importanza, perché è come accorgersi di una “spia” accesa sul cruscotto della propria automobile: nessuno si sognerebbe di pensare di risolvere il problema segnalato dall’accensione della spia dell’olio coprendola con del nastro adesivo nero.

Analogamente noi, in presenza di un sintomo, piuttosto che operare trattamenti che intervengano esclusivamente su di esso, o in modo da far cessare il dolore o fastidio attraverso medicinali analgesici, dobbiamo imparare a comprendere meglio la problematica che è in atto, ciò che si nasconde dietro a quel blocco energetico e, conseguentemente, prevenire problemi più gravi.

sabato 17 agosto 2013

R.E.R. - IL RILASCIO EMOZIONALE REGRESSIVO



Ogni Uomo nasce per essere Sano, Consapevole e Felice; ogni volta che si trova lontano da questa naturale condizione è solo perché ha smarrito la sua strada.

Nel vissuto di ognuno di noi si presentano spesso degli eventi traumatici che hanno lo scopo, attraverso la sofferenza che ci arrecano,  di portarci delle lezioni importanti per il nostro personale percorso evolutivo.

Questi eventi vengono vissuti con grande carico emozionale di tipo negativo che diviene l’essenza stessa della nostra sofferenza.

L’emozione negativa, però, diventa un’utile risorsa solo se si esplica nelle sue 4 fasi naturali:
1) Bisogna lasciarla entrare;
2) La si deve riconoscere;
3) Bisogna lasciarsi attraversare completamente;
4) Bisogna lasciarla andare.

Se la si blocca in una di queste 4 fasi ecco che l’emozione congelata blocca tutto il processo evolutivo.

L’emozione negativa residente si trasforma in Strascico Emozionale e la relativa sofferenza arrecata attraverso l’evento passato continua ad essere presente in noi, appesantendoci nel nostro naturale processo evolutivo.

L’Essere Umano è come una mongolfiera il cui movimento naturale è di salire verso il cielo, senza sforzo alcuno: l’unica cosa che può impedire questo movimento verso l’alto è la zavorra che, nel caso dell’uomo, è costituita dallo strascico emozionale.

Liberarsi completamente da questa immondizia emozionale, da questa zavorra permette all’uomo di ricominciare il movimento per il raggiungimento della sua naturale condizione di  essere Sano, Consapevole e Felice.
La tecnica del Rilascio Emozionale Regressivo (R.E.R) serve appositamente a questo.

Attraverso il R.E.R. è possibile risalire a tutti gli eventi negativi del nostro vissuto, di evidenziarne il contenuto emozionale residuo (strascico emozionale) e di pulire completamente l’evento stesso, ovvero, di svuotarlo completamente di ogni contenuto emozionale.

Il primo effetto è quello di sentire pace e leggerezza dentro di sé, mentre l’effetto più importante ma meno evidente è proprio l’avvicinamento alla propria condizione di Sano Consapevole e Felice.

La tecnica R.E.R. è molto semplice da apprendere, dopodiché può essere applicata autonomamente su se stessi e perfino essere trasmessa ai nostri familiari ed alle altre persone care.

LiberaMenteBenessere insegna questa tecnica individualmente o attraverso il corso “CONSAPEVOLEZZA, POTERE, EVOLUZIONE” durante il quale viene insegnata la tecnica collegata del Raggiungimento Intenzionale del Vuoto (R.I.V.), una potente modalità di meditazione dinamica complementare alla R.E.R.,che permette di accelerare il processo di apprendimento della lezione che l’evento negativo ha portato nella nostra vita.

Per saperne di più: www.rilascioemozionale.it

sabato 4 febbraio 2012

MERIDIANI ENERGETICI - Disfunzione



I meridiani energetici possono essere considerati dei veri e propri canali attraverso i quali l’energia vitale si muove per compiere specifiche funzioni di nutrimento dei vari organi correlati. 

La condizione essenziale per un ottimale situazione è infatti quella del continuo movimento dell’energia vitale lungo tutto il corpo fisico ed energetico.

La disfunzione dei meridiani energetici è conseguenza diretta di specifici conflitti psico-energetico-biologici e può presentarsi come cambiamento quantitativo o qualitativo.

Il cambiamento quantitativo può essere di due tipi:

  1. svuotamento energetico: in questo caso la disfunzione non si presenta come un problema localizzato, ma come ipofunzionalità, lassità nella contrazione e lentezza nel movimento con malattie correlate (ad es. flaccidità, prolasso, ipotensione, cancro);
  2. eccesso energetico: in tale caso si avrà una iperattività funzionale e malattie correlate (ad es. glaucoma, tumore).